Vignoli Lamberto-Associazione culturale

LAMBERTO VIGNOLI

Lamberto_Vignoli​​​​​​​Lamberto  VIGNOLI (Scandriglia 1878-Roma 1941) iscritto alle scuola elementare del Pontificio Istituto Maestre Pie Filippini, coltiva il francescanesimo presente a Scandriglia con i Minori del santuario di Santa Maria delle Grazie e con i Cappuccini del convento  di San Nicola.

L’Ordine Francescano, di cui è terziario, lo avvia agli studi ecclesiastici: è allievo dell’'Istituto M.Massimo e del Collegio Sant'Apollinare. Frequenta la Società della Gioventù Cattolica, primo passo verso l'Azione Cattolica, dove tra impegno ecclesiale ed iniziative sociali è chiamato ad assumere le presidenze dei circoli ‘SS. Vincenzo ed Anastasio’ e ‘Pio X’.

In questi ambienti matura la vocazione alla professione forense, si laurea in giurisprudenza alla Sapienza di Roma. Esercita la professione di avvocato civile e concistoriale, cultore del diritto.

Fedele della Basilica parrocchiale di S.Maria degli Angeli e dei Martiri in Roma, amplifica il suo impegno nell'associazionismo cattolico da essere anticipatore dell'intelligenza laicale del cristiano moderno. Apprezzato per le sue doti intellettuali e morali è chiamato dalla gerarchia cattolica e dalla sede apostolica ad assumere incarichi e missioni.

E’ eletto presidente della giunta diocesana di Roma dell'Azione Cattolica (1932-35) e poi presidente nazionale della stessa (1936-40). Confratello-adoratore dell'Arciconfraternita dell'Adorazione Notturna al SS. Sacramento, Consigliere e vice presidente del Circolo San Pietro, segretario dell’Istituto A. Volta, presidente della Primaria Associazione Artistico-Operaia, cavaliere di Gran Croce e segretario della Luogotenza di Roma dell'OESSG. Pio XI lo volle presidente della Peregrinatio ad Petri Sedam nel Giubileo del 1933 e presidente dell’Opera per la preservazione della fede in Palestina.

Legato alle sue origini sabine è Sindaco del Comune di  Scandriglia durante la I guerra mondiale. Durante questa esperienza di amministratore da l'assetto contemporaneo al paese e si fa ideatore-organizzatore del Comitato di Mobilitazione Civile e del Lavoro per i figli dei richiamati alle armi, per il pane ai prigionieri e la liquidazione delle pensioni. Riceve attestati dalle istituzioni.

E’ tra i promotori dell'Unione Sabina che porterà alla costituzione della Provincia di Rieti quale contributo al disegno istituzionale della Regione Lazio.

Lamberto Vignoli figura poliedrica per l’impegno profuso ha lasciato traccia in vari campi: dall'associazionismo al culturale, dal sociale al civile, dall'educativo al professionale.

La sua memoria è in benedizione. A lui sono state intitolate opere (vie,scuole,borse di studio, studi,enti).

Ebbe l’ammirazione degli umili e l'amicizia dei grandi. Pio XII disse di lui: "Il buon servo fedele".

In sintesi, il decalogo del suo pensiero, desunto dai suoi scritti e dal piano di vita:

  1. Sempre forti
  2. Tutto per il Papa
  3. Operare nel silenzio, fuori dal clamore e dal rumore
  4. Confidare nel Signore
  5. Cercare il regno di Dio
  6. Non guardare al numero ma alla qualità
  7. Imitare cristo nella sua vita di preghiera, sacrifico, zelo
  8. Attuare fra i cattolici la massima unità e concordia
  9. Coltivare le virtù intellettuali e morali
  10. Subordinare le opere sociali-economiche e le iniziative di carità al fine supremo che è la santificazione delle anime 
Per approfondimenti consulta la bibliografia e la sitografia.
 Scandriglia (RI) - Mentana (RM)
C.F.: 90004650579 - studisabini@pec.it
__________
 


 

Contatore siti